Comunicare: è ora disponibile il nuovo numero della rivista di Centro e Fondazione 

Comunicare - giugno 2019

E’ uscito il nuovo numero di Comunicare, il semestrale della Fondazione e del Centro Benedetta D’Intino Onlus, nato per informare sul diritto alla comunicazione e sul diritto all’intervento psicologico, giunto alla sua terza pubblicazione nella nuova veste di rivista scientifica.

In questo numero troviamo in primo piano un contributo della dott.ssa Aurelia Rivarola sulle “Parole che non vengono ascoltate”, un approfondimento sulla Comunicazione Aumentativa e Alternativa (CAA), spesso sconosciuta, ignorata e banalizzata. Partendo dalle parole di Meredith Allan, presidente di ISAAC International, e dalla sua esperienza di utente di CAA, viene illustrata l’importanza dell’intervento ma anche quanto ancora debba essere fatto nel campo della CAA perché la comunità dei parlanti ascolti chi, anche con modalità diverse dalla parola, vuole far sentire la sua voce. Segue un approfondimento sul processo di Message Banking a cura di John Costello, Direttore del programma di Comunicazione Aumentativa e Alternativa (CAA) presso il Children’s Hospital di Boston, che illustra come questa tecnologia sia in grado di supportare le persone affinché possano registrare nel tempo e archiviare in forma digitale parole, frasi, suoni e aneddoti della propria vita, utilizzando la propria voce naturale: uno strumento che ha già aiutato centinaia di persone che hanno perso la capacità di parlare a causa della SLA o di altre patologie neurodegenerative.

La seconda sezione della rivista è dedicata al Manuale Diagnostico Psicodinamico (PDM-2) e nasce in seguito al convegno “Inside out: Giornata di studio sulla diagnosi”, tenutosi a Milano il 19 ottobre scorso. I due contributi sull’infanzia e sull’adolescenza sono volti a dimostrare la centralità della diagnosi, in un contesto ambientale in cui i disturbi psichiatrici e psicologici dei minori risultano in aumento.

Seguono poi un’intervista ad Antonino Ferro, medico psichiatra tra i principali portavoce della teoria del campo bioniano, il delicato reportage fotografico di Alberto Scandalitta “Il mio nome è Leonardo. La mia vita con la CAA”, un approfondimento sulla Biblioteca Speciale del Centro, nelle parole delle responsabili Silvia Formenton Macola e Serena D’Intino, e la riflessione “Siediti qui”, un viaggio nella disabilità, tra attualità, letteratura e cinematografia, a cura di Emanuele Cantoni.

 

Richiedi la tua copia di Comunicare compilando il form: http://bit.ly/ComunicareGiugno2019

Per maggiori informazioni, puoi contattarci scrivendo a ufficiorf@benedettadintino.it